Ovvero, una ragazza, un’azienda neonata e un gigantesco mare di pesci enormi.

Mi sento un po’ Nemo e un po’ Alice, mentre cammino; il Cosmoprof è enorme, incasinato, chiassoso, luminoso e frenetico. Io sono piccola, con un foglio che dice che ho un’azienda e sono in visita, e con un silenzio dentro che mi calma nel caos.

Le aziende sono tutte grandi, sono tutte collaudate, ci sono uomini in giacca e cravatta e donne bellissime con abiti eleganti e tacchi alti. Non riconosco me in nessuno di loro, e non so perchè.

Sono già stata a quella manifestazione, ma da visitatrice quando ancora Scintilla non era nata.

Ora ho la mia Scintilla dentro che splende, mi scalda e mi dice che sì, siamo piccole, ma ce la faremo.

Come un piccolo lumino in mezzo alle passerelle e agli stand giganteschi, mi tiene ferma e salda, e non sono mai al buio. Non è facile, ma non lo sarà mai.

Sognando di…

Cosmoprof 2017: sognando di…
Tag:                 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *