Che magia!

Sì, si chiama Magia, quella vera.

E no, non sono andata con lo stand; vorrei raccontarti la storia di una tenace ragazza bionda con un sogno che ce l’ha fatta ad inserirsi subito e con successo.

Invece no.

Ti racconto di una ragazza che ha un sogno, tenacia ma anche difficoltà. Ti racconto delle spese da sostenere, delle tasse, dei sudori freddi quando non sai se ce la farai. Ti racconto di quello che non vedi.

Non vedi i numeri, non vedi la fatica, non vedi i miei momenti bassi e stanchi, non vedi a volte la paura, ed è giusto che tu non li veda; non è il tuo compito.

Ciò che puoi fare è provare, sperimentare una mia proposta, una mia offerta così com’è. Trasparente, limpida. I miei prodotti parlano per me, sono me. I miei prodotti sono talmente carichi di energia e amore che proprio non potrai fare a meno di sentirli. Li senti, sono vivi ed hanno una personalità.

Poi si sa, se le aziende son fatte di numeri. Se i numeri non tornan sto sbagliando qualcosa? Certo, gli errori sono necessari alla crescita, altrimenti si invecchia invece di evolvere. Le strade giuste sono ostacolate.

Tuttavia supererò ogni ostacolo, o perlomeno ci proverò con tutta me stessa.

Onestamente? Non pensavo che avrei avuto così tante richieste di conoscenza diretta al Sana; in fondo, detto tra me e te, non ho mai la percezione della considerazione che hanno di me fino in fondo. O forse ce l’ho ma preferisco ignorarla per minimizzare. “Eh ma sai, quando voli in alto se cadi ti fai male…”

Quindi ti convincono a “volare basso”, a rimanere in “basso profilo”, a non avere troppe aspettative…e così via, fino a smontare ogni parte della tua volontà per aiutarti a diventare un fallito, un rinunciatario.

Ho scelto di volare alto.

E sai che è vero? Quassù l’aria è più fredda, è rarefatta; a volte manca perfino il fiato. Gli altri uccelli in basso volano così vicini; pochi secondi e sono già al sicuro sulla terra, o hanno subito individuato un pesce succoso, o un vermicello cicciotto da addentare prima di me. Io non so quando mangerò, perchè il mio viaggio ha una tratta lunga, lontana, esotica. Certo, farò qualche pasto, qualche pausa, e poi via.

Invece al Sana mi hanno accolto, cercato, chiamato con un calore e una vicinanza ed un interesse autentico, onesto, sincero, meraviglioso. Sono rimasta esterrefatta.

Ma come, io così piccolina, così atipica, così “informale” riesco a conoscere e persino a farmi cercare da persone con esperienza trentennale, o competenze molto più elevate delle mie, e tutto questo con le migliori marche belle in vetrina in stand faraonici stracolmi di novità autunnali?

L’ho sempre detto e lo ripeto; io conquisterò il mondo.

Oddio, bisogna che abbia un piano prima. Ahahahah!

Però sai… La vista è bellissima da quassù.

Sana 2017
Tag:                     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *